Marzo 2013 calano le quantità di rifiuti non differenziati nella media di AER Spa

Mantenere alta l'attenzione sulla qualità dei conferimenti.

Oltre un punto percentuale in più rispetto ad un anno fa: questa la crescita rilevata nelle raccolte differenziate di AER Spa, osservando il dato medio del mese di marzo (dal 57,16% del 2012 al 58,33% di quest'anno).
Nel dettaglio, risultano ancora in "salita", sopra il 65%, le quote percentuali dei comuni di Incisa Valdarno (adesso arrivata all'84,54%), Pontassieve (71,85%) Rufina (70,05%) e San Godenzo (66,63%); stabili le percentuali del comune di Londa (65,30%). Tra i valori sotto la soglia del 65% - stabilito dal D.Lgs 152/2006 dalla Regione Toscana, vincolante per evitare il pagamento della maggiorazione dell'Ecotassa – rimangono invece i comuni di Dicomano (45,00%) e Pelago (50,33%) per la Valdisieve, Figline Valdarno (49,43%). Reggello (51,03%) e Rignano sull'Arno (46,40%) per il Valdarno Fiorentino.
Comparando i dati odierni rispetto a quelli di un anno fa importante è la riduzione dei rifiuti non differenziati nel totale complessivo aziendale, diminuiti di oltre 250.000 kg. Questo dato, insieme alla crescita di raccolte "particolari" come quella dei tubi fluorescenti e neon, farmaci, toner e vernici, pericolose e non, rivelano una maggiore attenzione degli utenti nei confronti della raccolta differenziata, una crescita delle sensibilità che AER Spa e le Amministrazioni comunali constatano con grande interesse e soddisfazione, oltre che una positiva risposta nei confronti di dell'attivazione di nuovi servizi specifici.
In crescita anche i numeri relativi alla raccolta separata del vetro dal multi-materiale che AER Spa sta introducendo gradualmente nei dieci comuni di sua competenza, anche se le analisi sulla qualità del rifiuto rivelano problematiche di purezza dei materiali.
In proposito si invitano gli utenti a fare molta attenzione nel conferimento separato di questi rifiuti, dove il servizio è già stato attivato, ricordando che in bidoncini/campane verdi devono conferire tutti gli imballaggi in vetro, ossia contenitori, bottiglie, vasetti, barattoli, ma anche flaconi per alimenti vuoti in vetro e contenitori vuoti in vetro di profumi.
Nei contenitori azzurri del multi-materiale leggero, invece, gli utenti dovranno conferire imballaggi in alluminio, in banda stagnata ed alluminio, in plastica (compresi piatti e bicchieri di plastica), in polistirolo e tetrapak; non vi possono conferire posate di plastica, grucce, vetro, gomma piuma, guanti in plastica, giocattoli, pennarelli e tutti gli altri materiali plastici che non sono imballaggi.

Rassegna stampa:
- Gonews
- Valdarno Post
- Orientepress.it