Nel Comune di Figline Incisa v.no al via la riapertura delle bocche delle campane azzurre

Dal 7 dicembre prossimo sarà più semplice per gli utenti conferire gli imballaggi.

Nel comune unico di Figline Incisa v.no da oggi, 7 dicembre, verranno riaperte le bocche delle campane azzurre per agevolare gli utenti nel conferimento degli imballaggi in plastica, alluminio, acciaio, banda stagnata, tetrapak e polistirolo. L'azione, avviata oggi, alla presenza dell'Assessore all'Ambiente, Lorenzo Tilli, proseguirà sul territorio interessato e soprattutto nell'area di Incisa, dove sono presenti le campane azzurre. La decisione dell'Amministrazione è il frutto di verifiche sui dati raccolti nell'ultimo anno dopo la chiusura delle bocche stesse. «La decisione adottata ormai più di un anno fa era doverosa perché eravamo fuori dai nuovi parametri nazionali - ha spiegato l'assessore all'Ambiente, Lorenzo Tilli -, ma adesso, grazie anche alla collaborazione dei cittadini, siamo rientrati sotto la soglia limite che ci permette di riaprire le campane del multimateriale leggero». Dai valori superiori al 40% di giugno 2015 di errori di conferimento, le analisi in ingresso degli ultimi sei mesi hanno riportato i valori su una buona media, inferiore al 22%, e corrispondente a quanto richiesto dai Consorzi.
Questo miglioramento, affiancato alla consapevolezza dei disagi provocati anche ai cittadini virtuosi, che hanno subito le conseguenze del comportamento criticabile di pochi, e vista la necessità di effettuare una corretta raccolta differenziata dei rifiuti (è normativa nazionale quella che ne definisce gli estremi!), ha portato alla riapertura delle bocche delle campane azzurre.
Infine è necessario che gli utenti effettuino una corretta raccolta differenziata dei rifiuti, dal momento che la Toscana vanta un'eccellenza nella valorizzazione dei materiali raccolti separatamente dai cittadini e recuperati negli impianti della Regione, grazie a un'efficiente industria del riciclo. Nel dettaglio si ricorda che nella campana azzurra è necessario conferire: imballaggi in plastica (bottiglie, flaconi, piatti e bicchieri, contenitori per cibo, vaschette frutta, verdura, carni, film da imballaggio in polietilene, cassette di plastica), quelli in alluminio (lattine, contenitori per alimenti, foglio di alluminio per alimenti, tappi), imballaggi in banda stagnata (scatolette, bombolette, tappi), in tetrapak (contenitori per latte, succhi, vino) ed in polistirolo (vaschette per alimenti, chips).