La società A.E.R. Ambiente Energia Risorse Spa, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito, informa che tale sito web non utilizza cookie di profilazione per comunicazioni commerciali basate sulle preferenze espresse. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Vedi informativa cookies

Non hai accettato i cookie. Questa decisione può essere cambiata.

Hai accettato i cookie sul tuo computer. La decisione può essere cambiata.

Ispezioni cassonetti: altri 4 verbali tra Figline e Incisa

Nuovi controlli dell'ispettore ambientale alle ecostazioni. Intanto migliorano i dati del multimateriale.

Prosegue l'attività di controllo ambientale di Comune ed Aer sul territorio di Figline e Incisa, dove nell'ultima settimana sono stati individuati i responsabili di quattro diversi abbandoni di rifiuti.
Come nelle altre occasioni, anche stavolta le ispezioni sono state effettuate direttamente sui sacchi della nettezza, portando quindi all'emissione di quattro rapporti per abbandono indiscriminato di rifiuti e conferimento non differenziato nelle seguenti località: a Figline in via Fiorentina, a Incisa in piazza Santa Lucia e via Olimpia e in località La Massa. Adesso la procedura stabilita dal regolamento comunale prevede che la Polizia Municipale provveda ad elevare sanzioni che vanno da 80 a 480 euro.
Dall'analisi dei dati, inoltre, emergono valori in linea con l'andamento dei trimestri 2015 sulle raccolte differenziate e risultati positivi sul multimateriale leggero (ossia separato dal vetro) anche grazie al restringimento delle aperture delle campane, le cosiddette "bocche tarate". Ad agosto, infatti, per alcuni cambiamenti normativi si è resa necessaria questa misura, che – a fronte di qualche disagio per i cittadini – sta però producendo un netto miglioramento della qualità dei conferimenti: oggi il quantitativo di frazione estranea (rifiuti errati) nelle campane è ampiamente al di sotto della soglia massima consentita del 22%. Ciò consente anche al Comune di rispettare i nuovi limiti di impurità previsti dalla legge e quindi risparmiare su eventuali sanzioni. Questo è possibile soprattutto grazie alla collaborazione dei cittadini, ai quali si rinnova l'invito a rispettare le norme di convivenza civile che si rendono necessarie per mantenere una città decorosa sotto il profilo dei rifiuti.