La società A.E.R. Ambiente Energia Risorse Spa, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito, informa che tale sito web non utilizza cookie di profilazione per comunicazioni commerciali basate sulle preferenze espresse. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Vedi informativa cookies

Non hai accettato i cookie. Questa decisione può essere cambiata.

Hai accettato i cookie sul tuo computer. La decisione può essere cambiata.

Controlli sui rifiuti a Pontassieve

I comportamenti scorretti costano a tutta la cittadinanza.

L'importanza di fare bene la raccolta differenziata e l'impegno di AER e dell'Amministrazione sono al centro dei controlli che periodicamente vengono svolti dall'ispettore ambientale di AER, un vero e proprio pubblico ufficiale che controlla che sul territorio si faccia una buona differenziata e che commina sanzioni per abbandono di rifiuti o errata raccolta differenziata. Una operazione di controllo importante e programmata per sensibilizzare i cittadini e sanzionare chi commette errori al momento di gettare i rifiuti. Dalla scorsa settimana è stato scelto di puntare i riflettori sul lavori dell'ispettore, figura non molto conosciuta dai cittadini.

A seguito anche dei commenti ricevuti l'assessore all'ambiente Jacopo Bencini ha deciso di continuare a essere presente durante le operazioni di ispezioni e trasformare queste occasioni in momenti di formazione e discussione con cittadini, per chiarire dubbi, recepire istanze e domande. Un'occasione per parlare di raccolta differenziata con i cittadini insieme all'ispettore ambientale, che oltre alla competenza sui controlli ha anche la funzioni di informare.

I controlli effettuati all'interno dei cassonetti evidenziano alcune situazioni di rifiuti inseriti nel posto sbagliato e l'abbandono dei sacchetti fuori da qualsiasi cassonetto o, nei casi peggiori, l'abbandono di ingombranti che vanno a creare vere e proprie discariche ai margini della strada. Alcuni di questi controlli hanno anche fatto scaturire sanzioni.
L'errato conferimento oltre che un danno ambientale diventa anche un danno economico alla comunità, sono migliaia gli euro l'anno che vengono pagati per operazioni di pulizia straordinaria, nei casi abbandono a terra, per ritiri straordinari e rimozioni di ingombranti. Costi che potrebbero essere evitati compiendo tutti una buona raccolta differenziata.

 

Rassegna stampa:
- La Nazione, 13.11.2015